Per cosa vorreste essere ricordati?

per cosa vorreste essere ricordatiLa signora Rita era un’insegnante di pianoforte. E anche una riconosciuta musicista che teneva concerti. Era anche una professoressa premiata per la sua attività didattica. Nella vita privata era una attivista per i diritti civili, soprattutto nella zona in cui viveva. Era anche una scrittrice, con tre libri dedicati ad un pianista famoso. Era anche la direttrice di una scuola di musica ed un membro di una giuria di un concorso musicale per una decina di anni. Quando la signora Rita morì se aveste chiesto ad uno dei suoi studenti chi fosse la signora Rita, questi vi avrebbe risposo semplicemente “la mia insegnante di piano”; se lo aveste chiesto ad uno dei lettori dei suoi libri vi avrebbe risposto “l’autrice del libro…”. E infine alla stessa domanda i suoi amici avrebbero risposto “una simpatica amica che suonava il piano”.

Questo aneddoto, tratto da una storia vera riadattata un po’ a questo contesto, in realtà ci sere solo a definire meglio una risposta alla domanda del titolo: per cosa vorreste essere ricordati? Oggigiorno probabilmente noi tutti non facciamo una sola attività e non siamo impegnati soltanto in un settore. Ad esempio qualcuno di voi avrà due biglietti da visita oppure, anche senza, sarà nella situazione di dover scegliere tra due opzioni alla domanda: “che lavoro fai?”. Notate una cosa: quando rispondete con il lavoro A e con il lavoro B, raramente la persona che avete davanti vi chiederà maggiori informazioni (per saperne di più) su entrambe le opzioni. Chi sarà rimasto “colpito” dal lavoro A vi chiederà maggiori informazioni su quello, chi avrà trovato più interessante (per qualunque motivo) il lavoro B chiederà altre cose sul lavoro B. Potremmo scommettere che dopo qualche tempo (a volte una questione di minuti) i due soggetti, dei lavori che fate, si ricorderanno solo quello sul quale vi hanno fatto alte domande, quello a cui erano interessati maggiormente. Dimenticando che avete anche un altro lavoro.

Questo meccanismo funziona anche per quello che siete oltre che per le cose che fate. Per cui facilmente potreste essere ricordati per quelli che protestano sempre, per quelli che non salutano mai, per quelli che sono poco socievoli, per quelli che non sorridono mai. Nessuno di noi vorrebbe essere ricordato per questi aspetti chiaramente. E forse nessuno esaurisce la propria personalità soltanto con uno di questi momenti. Ma la memoria (nostra e altrui) non sempre fa il nostro gioco. Per cui per evitare di lasciare un brutto ricordo sarebbe bene,in generale, evitare di condurre i comportamenti sopra descritti con frequenza.

Allora la domanda “per cosa vorremmo essere ricordati?” dovremmo porcela prima di scegliere di fare una cosa o di non farla. Vale anche per i lavori o le disponibilità che diamo: ad esempio se accettiamo troppo spesso si lavorare con un compenso bassissimo o uguale a zero rischiamo di essere definiti come quelli a cui non c’è bisogno di dare molto denaro. Chiaramente ciascuno vorrebbe essere ricordato per cose che ritiene positive o che fanno piacere. Ecco perché un buon esercizio da fare è quello di analizzare le cose che facciamo chiedendoci: vorrei essere ricordato per questo lavoro? Per questa attività? Per questo comportamento? Ogni volta che la risposta è “no”, significa che quel lavoro, attività, comportamento dovrebbe rientrare tra quelli che non fate più Ogni volta che al risposta è “sì” invece si tratta di lavori, comportamenti e attività che dovreste attivare più spesso. Otterrete due risultati: fare cose piacevoli e essere ricordati con un’immagine che vi appartiene.

Francesco Vernelli

Consulente per la comunicazione on line.

francescov has 82 posts and counting.See all posts by francescov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *