Come e perché iscriversi al Centro per l’impiego

Questo articolo nasce dall’esigenza di rispondere alle numerose e frequenti domande di molti utenti (anche telefonici) del nostro servizio sul funzionamento del Centro per l’Impiego (c.d. CPI).

A questo scopo abbiamo pensato di riassumere le domande più frequenti che ci vengono rivolte quotidianamente e le abbiamo poste direttamente al CPI di Ancona. Ecco qui allora le risposte.

COME CI SI ISCRIVE AL CPI?

L’ iscrizione al CPI (Centro per l’impiego) comporta due step:

  1. la DID, acronimo di Dichiarazione di Immediata Disponibilità, è la dichiarazione che determina formalmente l’inizio dello stato di disoccupazione di una persona
  2. il Patto di Servizio

La DID può essere rilasciata in uno dei 4 modi seguenti:

– on line sul sito dell’ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro;

– con l’intermediazione di un patronato;

– richiedendo la NASPI o la Dis – Coll che vengono trasmesse dall’INPS al CPI;

– direttamente al CPI.

La presentazione della DID on line comporta che il singolo abbia già un’identità SPID; in caso contrario l’individuo deve registrarsi sul sito dedicato.

Una volta presentata la DID, occorre presentarsi fisicamente al CPI per confermare l’iscrizione. I termini variano a seconda del fatto se la persona sia o meno collegata a qualche sussidio; nel primo caso il termine è di 15 giorni dalla DID; nel secondo caso, invece, i tempi si allungano fino a 30 giorni. In caso di assenza di presentazione spontanea, il CIOF ha 60 giorni di tempo dalla DID per convocare i richiedenti.

La conferma di iscrizione è necessaria per verificare i dati rilasciati in sede di dichiarazione di disponibilità immediata e si allungano nel caso di persone che abbiano presentato la DID in maniera autonoma senza rivolgersi ad intermediari perché in questo caso sono dati completamente nuovi e non ancora verificati.

A questo punto il CPI potrà creare il profilo professionale degli utenti e chiederà la stipula del patto di servizio.

Questo è un accordo tra lo stesso Centro per l’impiego e il lavoratore disoccupato o inoccupato che si impegna a:

  • partecipare alle iniziative formative, ad esempio dei corsi;
  • prendere parte ad attività o iniziative di inserimento e/o di riqualificazione per la ricerca del lavoro, ad esempio come prepararsi a un colloquio;
  • accettare le offerte di lavoro congrue (di cui abbiamo già parlato in un precedente articolo) che il Centro potrebbe proporre al disoccupato.

MI POSSO ISCRIVERE A QUALUNQUE CPI?

Le persone disoccupate beneficiarie di sussidio al reddito (es. NASPI, Dis-Coll,ecc.) devono necessariamente iscriversi al Centro per l’Impiego competente in base al domicilio dichiarato nella domanda inoltrata all’INPS; invece i soggetti disoccupati non percettori di sussidi possono iscriversi in qualunque CPI in Italia indipendentemente dal domicilio o residenza.

QUALI DOCUMENTI SERVONO PER ISCRIVERSI AL CPI?

Per iscriversi a un CPI sono richiesti pochi documenti:

– documento di identità o patente;

– per i cittadini stranieri il permesso di soggiorno in corso di validità o, se scaduto, la richiesta di rinnovo entro 60 gg dalla scadenza;

– il proprio curriculum vitae in qualsiasi formato o cartaceo o in file;

– per chi ha perso il lavoro, l’ultimo rapporto di lavoro dipendente concluso (per i lavoratori autonomi è sufficiente un’autodichiarazione). Tenendo presente che il datore di lavoro ha 5 gg per chiudere un rapporto di lavoro, è inutile presentarsi al CPI prima che sia trascorso questo periodo.

Nei periodi di maggiore affluenza, il CPI consiglia di fare prima la NASPI che equivale alla DID e poi recarsi al CPI per regolarizzare la situazione.

GLI STUDENTI POSSONO ISCRIVERSI AL CPI?

Gli studenti minorenni (a partire dai 16 anni) possono iscriversi solo se hanno abbandonato la scuola.

Lo studente universitario può iscriversi se ha immediata disponibilità lavorativa e per almeno un part time ampio; non conviene iscriversi se la priorità è lo studio e quindi la disponibilità è solo per poche ore e pochi giorni (es. week end).

ORARI E MODALITÀ DI ACCESSO AI SERVIZI DEL CPI

Per quanto riguarda i CPI delle Marche, potete trovare queste informazioni sul sito della regione alla pagina dedicata.

Quanto al CPI di Ancona, come potete vedere al link sopraindicato, negli orari di apertura sono garantite modalità a sportello e su appuntamento. Quelle a sportello vengono contingentate mediante la distribuzione di un numero a partire da circa 20 minuti prima dell’orario di apertura. La quantità di numeri distribuita varia in base al numero di operatori presenti in quella fascia oraria. Il mattino vengono distribuiti più numeri, il pomeriggio meno.

La normativa di riferimento per la Regione Marche è consultabile a questo link.

Chiarite le modalità di iscrizione al CPI, vale la pena ricordare perché è importante farlo: l’iscrizione consente il riconoscimento formale dello stato di disoccupazione, con il quale potete richiedere l’indennità di disoccupazione (es. NASPI), se ne ricorrono i presupposti, potete partecipare ai bandi della P.A. rivolti ai disoccupati certficati (es. corsi FSE, borse lavoro, Garanzia Giovani, ecc.) e godere delle agevolazioni per le assunzioni di disoccupati e giovani inoccupati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 8 =