L’importanza di conoscersi

Potrei giurare sul fatto che la prima cosa che molti di voi fanno nel momento in cui cercano un lavoro è quella di scavare tra gli annunci, quelli che hanno qualche guizzo in più prima sistemano il proprio cv; chi è dotato di un po’ di autocritica si interroga sul fatto di poter aggiornare le proprie competenze. Non sono passi scorretti ma sono quelli che si possono fare solo dopo aver preparato il terreno in altro modo. Dovreste partire invece dalle conoscenze.

Nel nostro bel Paese se qualcuno dicesse che per trovare il lavoro servono le conoscenze, partirebbero ammiccamenti e ampi cenni di consenso: ma l’approvazione sarebbe per il motivo sbagliato. Alla parola “conoscenze”, per una storia e una cultura che abbiamo un po’ troppo clientelare, le nostre menti pensano subito alla conoscenza amica, alla referenza interessata, al favore tra amici, alla raccomandazione. Ecco, il fatto di confondere e quasi far coincidere “conoscenza” con “raccomandazione” nel mondo del lavoro non ci aiuta perché ci preclude, di fatto, di seguire percorsi diversi dal solito e sviluppare una competenza relazionale sana. Nel mondo del lavoro è vero, bisogna avere le conoscenze; ma le possiamo avere tutti così come tutti dovremmo stare un po’ più attenti a sviluppare in maniera corretta una abilità  che si chiama intelligenza sociale.

L’intelligenza sociale è la capacità di mettersi in relazione con gli altri in maniera efficace e positiva. Lo psicologo americano Edward Thorndike l’ha definita, ormai un secolo fa, la “capacità di gestire saggiamente le relazioni umane”. Questa forma di intelligenza ci permette di interpretare le situazioni e le persone, di capire i discorsi, di spiegarsi e di cooperare; significa avere empatia. “E ancora: capacità di decodificare i ruoli sociali, di esprimersi in modo appropriato nelle diverse situazioni, di ascoltare, di intuire quello che gli altri pensano e sentono” (così come scrive Annamaria Testa in questo post).

Relazionarci con gli altri in maniera positiva può regalarci molte opportunità, come quella di riuscite a stabilire un dialogo costruttivo, far emergere le nostre potenzialità, farci conoscere e riconoscere come competenti in una certa materia. Il percorso per arrivare a un buon livello di intelligenza sociale prevede un passaggio per il riconoscimento e la consapevolezza dei propri valori ma anche, e forse soprattutto, dei propri limiti, difetti, imperfezioni. Anche quando riconoscerli non ci piace o, addirittura, ci può far male. Chi riesce a conoscere bene se stesso, riesce anche meglio a capire gli altri (il famoso “mettersi nei panni”, più facile a dare come indicazione che praticare come modalità di comportamento) e quindi con maggiore facilità presta più attenzione al quadro d’insieme, e non solo alla superficie gradevole, è più flessibile. Questa capacità, che come altre alcuni chiamano soft-skill, può essere la chiave di volta nel momento in cui vi trovate a dover cercare un lavoro. L’avreste mai detto che conoscere un po’ meglio voi stessi sarebbe stato il modo più agevole di trovare un lavoro?

Francesco Vernelli

Consulente per la comunicazione on line.

francescov has 97 posts and counting.See all posts by francescov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 1 =